Preparare la tesi

CL in Fisioterapia – Regolamento Didattico – approvazione Cons. dip. Neuroscienze – 8 aprile 2016
 
Art. 22 – Prova finale

 

22.3 Le disposizioni relative al funzionamento del Corso prevedono che, entro il termine del I° semestre del terzo anno, lo studente indichi per iscritto l'argomento generale scelto per la Tesi e presenti al Presidente del Corso un “Progetto di Tesi”. 
Unitamente alla scelta dell'argomento ed alla preparazione del Progetto, lo studente deve scegliere un Relatore di Tesi tra i docenti del Corso dei tre anni accademici. 
E’ compito del laureando prendere contatto con un docente di riferimento, che fungerà poi da Relatore, in un tempo congruo per iniziare il lavoro di elaborazione della Tesi. 
Il Relatore è un docente del Corso di Laurea che garantisce la validità della dissertazione scritta del candidato al fine di presentarla alla discussione per il conseguimento del titolo ed è responsabile dell’esattezza dei dati inseriti nel modulo di richiesta tesi.
Per particolari situazioni può essere indicato un 2° Relatore anche di altra Facoltà o altra Università anche straniera ma comunque dotato di riconosciuta competenza accademica. Questo 2° Relatore può partecipare ai lavori della Commissione per la Prova Finale, ma non può contribuire al voto di laurea.
Il Relatore e lo studente si possono avvalere anche di un Tutor di Tesi nella preparazione della Tesi. 
Il Tutor di Tesi è una persona competente che affianca il laureando nello svolgimento della tesi. Il Tutor può essere, oltre che un docente ufficiale del Corso, un: professore a contratto, titolare di attività didattica elettiva, dottorando, assegnista di ricerca, ospedaliero, tutore di tirocinio, esperto appartenente a laboratori e centri di ricerca di altre istituzioni anche straniere, cultore della materia. Il Tutor deve essere indicato dal Relatore e può far parte della Commissione per la Prova Finale.
Il Correlatore/Controrelatore è di norma un docente del Corso che fa parte della Commissione per la Prova Finale con il compito di aprire e stimolare la discussione in seduta di laurea, dopo la presentazione dell’elaborato da parte del laureando. E’ indicato dal Presidente del Corso di Laurea e riceve dal laureando una copia della tesi entro i termini sotto stabiliti. Il Controrelatore può essere anche un docente a contratto o un cultore della materia.

 

22.12 Nel rispetto di quanto previsto dalle norme generali dell’Ateneo relative all’esame di Laurea dei Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie, il Consiglio del Corso di Laurea prevede norme specifiche sulle modalità di assegnazione e di elaborazione delle tesi di laurea e sulle procedure di valutazione delle stesse che vengono richiamate di anno in anno.

MODALITA' PER LA STESURA DELLA TESI

1. Nel frontespizio saranno indicati con chiarezza l’Università, il Dipartimento ed il Corso di laurea. (vedi MOD 03). Di norma è previsto un solo Relatore: è possibile averne un secondo per particolari condizioni. E' possibile indicare il nome del Tutore. Il Controrelatore non va indicato;
2. La tesi conterrà nell'ordine: riassunto, introduzione, materiali e metodi, risultati, discussione, bibliografia;
3. I materiali e metodi saranno scritti in extenso;
4. Le figure e le tabelle saranno titolate e conterranno una legenda esplicativa;
5. La bibliografia, numerata in ordine di citazione, riporterà: nome (iniziali) e cognome, titolo per esteso del lavoro citato, volume, pagina iniziale e finale, anno di pubblicazione;
6. Evitare il più possibile le sigle nel titolo;
7. Il formato della tesi dovrà contenere pagine di circa 25 righe con interlinea doppia;
8. Si consiglia l’impaginazione fronte/retro;
9. La tesi può essere redatta in una lingua della UE, preferibilmente inglese, con allegato il riassunto in italiano e avente il titolo sia in italiano che in lingua straniera.

 

AVVISO IMPORTANTE NUOVO LOGO:

Si invitano gli studenti prossimi alla laurea ad utilizzare ESCLUSIVAMENTE il format del MOD 03 da utilizzare nella stampa delle copertine e dei frontespizi della tesi. Non dovrà più essere utilizzato il vecchio logo.

Gli stessi sono altresì pregati di indicare in copertina SOLAMENTE il Corso di Laurea di appartenenza e NON il Dipartimento, a seguito dell’avvenuta riorganizzazione dei Dipartimenti in vigore dal 1 gennaio 2017.