Cambi, Passaggi e Trasferimenti

Se lo studente è iscritto in questo Ateneo ad un corso di studi con più sedi formative, ma vuole cambiare sede, può presentare domanda di cambio di sede.

 

Se lo studente è iscritto in questo Ateneo, ma vuole cambiare corso di laurea, può presentare domanda di passaggio di corso.

 

Se lo studente è iscritto in questo Ateneo ma vuole andare in un altro Ateneo, può presentare domanda di trasferimento in uscita.

 

Se lo studente che è iscritto in un altro ateneo (italiano, CE, o extra CE) vuole venire a studiare presso il nostro Ateneo, può presentare domanda di trasferimento in entrata.

Per velocizzare le procedure di valutazione dei titoli esteri e facilitare la produzione dei documenti da parte dei candidati e delle candidate con titolo estero, sia in termini di tempistica sia in riferimento al numero di materiale da produrre e ai relativi costi, è necessario richiedere l'Attestato di Comparabilità e l'Attestati di Verifica dei propri titoli stranieri, in linea con la normativa e le procedura nazionali vigenti, tramite la piattaforma Diplome sul sito del CIMEA. Link piattaforma Diplome http://www.cimea.it/it/diplome-in-breve.aspx, che saranno presentati unitamente alla documentazione richiesta.

 

E' possibile presentare domanda di cambio, passaggio o trasferimento solo per anni successivi al primo.

Le iscrizioni ad anni successivi al primo, a seguito delle procedure di riconoscimento dei crediti da parte dell'Ateneo di destinazione, possono avvenire esclusivamente nel limite dei posti resisi disponibili a seguito di rinunce, trasferimenti, abbandoni nell'anno di corso di riferimento, in relazione ai posti a suo tempo definiti nei decreti annuali di programmazione.

 

Il Corso pubblica sul proprio sito il numero dei posti vacanti in relazione ad anno di corso e sede formativa.

 

Gli atenei non sono tenuti ad esaminare le domande pervenute in assenza di avvisi o bandi, con modalità diverse da quelle previste dai suddetti atti o fuori dai termini perentori di scadenza previsti dai medesimi.

 

Requisito indispensabile per poter inoltrare la richiesta iscrizione ad anni successivi al primo è l’aver superato gli obblighi formativi previsti dal Regolamento del Corso di Laurea per poter accedere all’anno per cui si richiede l’iscrizione.
Non si accettano trasferimenti da corsi di laurea di ordinamenti antecedenti al D.M. 270/2004.
Dall’anno 2011/2012 sono stati attivati i Nuovi Ordinamenti (D.M.270/04). Potranno inoltrare domanda di trasferimento/iscrizione ad anni successivi studenti in possesso dei requisiti per essere iscritti al 2° ed al 3° anno del nuovo ordinamento. Condizione necessaria per la richiesta di trasferimento è avere un’iscrizione attiva nell’anno precedente.

Trasferimenti e passaggi di corso

Le domande per l'anno accademico 2021-2022 possono essere presentate nel periodo dal 1 luglio al 25 agosto 2021.

 

Gli atenei non sono tenuti ad esaminare le domande pervenute in assenza di avvisi o bandi, con modalità diverse da quelle previste dai suddetti atti o fuori dai termini perentori di scadenza previsti dai medesimi.

 

Il Corso ha definito con una propria Procedura la gestione di tali posti vacanti.

 

Le domande verranno valutate con il seguente ordine di priorità, con esaurimento della relativa graduatoria prima di passare al gruppo di priorità successivo:

1) cambio sede tra sedi dell’Università di Parma; in caso di più domande per lo/gli stesso/i posto/i, sarà data priorità di cambio sede allo studente con la media ponderata più alta.

2) trasferimento in arrivo da Università italiane; in caso di più domande per lo/gli stesso/i posto/i, sarà data priorità di trasferimento allo studente con la media ponderata più alta.

3) riconoscimento accademico ai sensi della L.148/2002; in caso di più domande per lo/gli stesso/i posto/i, sarà data priorità di accesso al laureato con la valutazione di conseguimento del titolo più alta (in caso di ulteriore parità, al più giovane).

4) trasferimento in arrivo da Università estere CE; in caso di più domande per lo/gli stesso/i posto/i, sarà data priorità di trasferimento allo studente con il maggior numero di ECTS conseguiti (in caso di ulteriore parità, al più giovane).

5) trasferimento in arrivo da Università estere non CE. in caso di più domande per lo/gli stesso/i posto/i, sarà data priorità di trasferimento allo studente con il maggior numero di ECTS conseguiti (in caso di ulteriore parità, al più giovane).

Per velocizzare le procedure di valutazione dei titoli e facilitare la produzione dei documenti da parte dei candidati e delle candidate con titolo estero ai corsi di studio dell'Ateneo, sia in termini di tempistica sia in riferimento al numero di materiale da produrre e ai relativi costi, è possibile richiedere Attestati di comparabilità e/o Attestati di verifica dei propri titoli stranieri, in linea con la normativa e le procedura nazionali vigenti, tramite la piattaforma Diplome sul sito del CIMEA. Link piattaforma Diplome http://www.cimea.it/it/diplome-in-breve.aspx

 

La valutazione delle domande di accesso, nel rispetto delle sopracitate priorità, sarà effettuata dalla Commissione Didattica e ratificata nel primo Consiglio di Corso utile. 

Ai fini della verifica del possesso dei requisiti formativi indispensabili per l'eventuale iscrizione all'anno richiesto e della quantificazione dell'eventuale debito formativo da colmare, la Commissione valuterà le singole domande principalmente in riferimento ai seguenti criteri:
- congruità del programma didattico dei corsi di insegnamento degli esami sostenuti presso l’università di provenienza;
- numero di crediti formativi universitari (CFU) acquisiti o equivalenti (ECTS o secondo la normativa dello stato di provenienza);
- numero di esami sostenuti e relative votazioni riportate;
- verifica, rispetto agli esami svolti da parte dello studente nell’Ateneo di provenienza, delle propedeuticità e dei blocchi previsti dal Regolamento Didattico.

 

 

Ogni richiedente riceverà l’esito della propria domanda dalla Segreteria Studenti che sarà anche pubblicato sul sito del Corso.

 

I posti vacanti per ogni anno di corso per l'a.a. 2021-22 sono i seguenti:

sede formativa di Parma:
II anno: 0
III anno: 3

Sede formativa di Piacenza:
II anno: 2
III anno: 1

Esiti domande 20-21

Il Consiglio di Corso di Laurea in Fisioterapia, in data 29 settembre 2020, viste le domande di passaggi tra sedi, trasferimenti, equipollenze presentate per l’a.a. 2020-21, ha deliberato quanto segue:

Passaggi tra sedi

- di approvare il cambio di sede come scambio tre gli studenti VNZMTN91P64D611O e LJDFBN97L48G870W a condizione che entrambe abbiano già raggiunto o raggiungano entro il 31 dicembre i requisiti per il passaggio al 2° anno nell’a.a. 2020-21.

- considerato che non sono presenti posti disponibili al terzo anno sede di Parma per l’a.a. 2020-21, di non accogliere la domanda dello studente MRZLCU96M14G489L.

Trasferimento in arrivo da Università italiane

- di non approvare la domanda dallo studente KRBJLN96R04110M, iscritto al 2° anno del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia, per accedere al 3° anno del CdL in Fisioterapia, dato che la domanda è pervenuta in data 8 settembre, oltre la scadenza prevista dal Bando; inoltre lo studente non avrebbe avuto i requisiti formativi sufficienti per potersi iscrivere ad un anno successivo al primo e quindi la sua domanda, anche se arrivata in tempo utile, non sarebbe stata accolta.

Riconoscimento accademico ai sensi della L.148/2002

- è stata presentata domanda da FRSVNC89B58C261U. La domanda è tutt’ora in corso di valutazione, in attesa di risposta dal CIMEA sulla sua accettabilità.

 

Oltre a quanto sopra, sono pervenute n. 3 domande di Laureati in Scienze Motorie che chiedono l’accesso al 3° anno del CdL in Fisioterapia: CRLLSN77M03F205E, FRSDNT90A23G786F e SVZDVD90S28B034K. Dato che una richiesta di iscrizione ad anni successivi al primo può essere accettata, senza aver sostenuto il test d’ammissione, solo a condizione che il richiedente provenga dallo stesso corso di laurea o da un corso di Laurea che possa essere considerato affine e abbia i requisiti formativi per poter essere ammesso ad un anno successivo al primo, e considerato che il corso di Laurea in Scienze Motorie, non essendo un Corso di Laurea delle Professioni Sanitarie, non può essere ritenuto affine al Corso di Laurea in Fisioterapia e che comunque i laureati in Scienze Motorie non hanno i crediti formativi richiesti per l’ammissione ad un anno successivo al primo, le suddette domande sono respinte.